caffè

Per tante persone bere almeno una tazza di caffè al giorno è fondamentale, per molti è d’aiuto per avere una carica energetica dalla caffeina, per altri è una semplice routine per allietare il palato. La risposta al caffè o alla caffeina può variare notevolmente da individuo a individuo; dosi da basse a moderate di caffeina, fino a 200 mg, circa 3 mg per kilogrammo di peso corporeo (mg/kg pc) da ogni fonte non destano preoccupazioni in termini di sicurezza per la popolazione adulta e sana in generale (fonte), possono aumentare lo stato di vigilanza, l’energia e la capacità di concentrazione, mentre dosi più elevate possono avere effetti negativi che possono scaturire in ansia, irrequietezza, insonnia e aumento della frequenza cardiaca [1].

Gli studi cumulativi sul caffè puntano nella direzione di un beneficio per la salute [2,3]. Per ottenere ancora di più dalla propria tazzina di caffè di seguito alcuni utili “trucchetti”, così da aver ancora più gusto e trarre ulteriori benefici per la salute.

Ogni giorno al mondo si consumano quasi 1,6 miliardi di tazze di caffè. È in caffè Finlandia che c’è il maggior consumo di questa bevanda, 12 KG l’anno pro-capite; in Italia se ne consumano 5,9 KG.

Caffè. I vari tipi e i trucchi per consumarlo e conservarlo correttamente

Il modo in cui conserviamo i chicchi di caffè influisce, e di molto, sul gusto. Umidità, ossigeno e fonti luminose sono i veri nemici del caffè. È fondamentale, quindi, conservare sempre i chicchi di caffè in un contenitore ermetico al riparo da fonti luminose e da luoghi particolarmente umidi.

Acquista chicchi di caffè freschi e tostati

Nel libro This Is Your Brain on Food, la d.ssa Uma Naidoo, esperta in psichiatria nutrizionale, per aiutare le funzionalità cerebrali raccomanda l’acquisto di chicchi di caffè freschi e tostati. Rispetto a una tostatura leggera o media, i chicchi tostati scuri tendono ad avere livelli più bassi di acrilammide, una sostanza genotossica capace di aumentare lo stress ossidativo; si tratta di una componente che si forma in modo naturale durante la cottura ad alta temperatura di diversi cibi di origine vegetale. Per il caffè i valori di riferimento sono i seguenti: 400 µg acrilammide/kg per il caffè tostato, 850 per il solubile. Considera sempre che i chicchi di miscela Robusta sono tendenzialmente più “predisposti” a produrre acrilammide rispetto ai chicchi di miscela Arabica. Il caffè tostato con consistenza più scura contiene una quantità inferiore di acrilammide, anche la velocità con cui avviene la tostatura determina la quantità di questo composto: più lento sarà il processo di tostatura, minore sarà il contenuto di acrilammide nel caffè.

Macina i chicchi di caffè prima di ogni infusione

Acquistare chicchi interi e macinarli freschi ogni giorno è il modo migliore per aumentare il gusto del caffè. Il caffè macinato perde sapore molto rapidamente, i chicchi interi, invece, mantengono il loro sapore più a lungo, prolungando la durata di conservazione del caffè acquistato. Ricorda anche per un gusto ottimale del caffè, è necessario berlo subito dopo l’erogazione.

Preparalo a freddo

Il caffè preparato a freddo (COLD BREW) ha circa il 65% di acidità in meno rispetto al caffè caldo normale, il che lo rende più facilmente assimilabile e tollerabile soprattutto per chi soffre di reflusso gastroesofageo. Ciò non significa che bisogna bere il caffè freddo, si può semplicemente riscaldare il caffè preparato a freddo in un pentolino o nel microonde e poi gustarlo. Per preparare il caffè e freddo si impiega un particolare strumento chiamato Toddy, un aggeggio che si compone di una parte superiore in vetro sulla quale viene posizionata l’acqua fredda, un contenitore centrale per il caffè macinato e un contenitore inferiore che raccoglie il prodotto finale.

Toddy, Macchina per caffè a freddo

Tipo di chicco di caffè e tostatura

Esistono due tipi principali di caffè, miscela Arabica o Robusta. Quella di tipo Arabico, la più popolare e consumata, proviene dall’Etiopia e dà vita a un caffè dal gusto delicato e saporito. Si tratta di una pianta difficile da coltivare, richiede infatti particolari condizioni climatiche: ombra, umidità e temperature costanti tra 15-25 gradi centigradi; al contrario, la miscela Robusta è più economica da coltivare, è infatti più resistente alle malattie e vegeta bene anche a temperature molto più alte, così come sopporto i cambiamenti climatici estremi. Il chicco di caffè nasce verde, ed è grazie al processo di tostatura che acquista il tipico gusto al qualche tanto siamo legati. I livelli di tostatura variano da chiaro a medio a scuro. Più leggera sarà la tostatura, più chiaro sarà il colore e il sapore di tostato e maggiore sarà la sua acidità. La macinatura media è la più comune e utilizzata per le macchine da caffè automatiche, quella fine viene invece impiegata per ottenere aromi più profondi come l’espresso.

 

[1] Eskelinen MH, Kivipelto M. “Caffeine as a protective factor in dementia and Alzheimer’s disease”. J Alzheimers Dis. 2010;20 Suppl 1:S167-74.
[2] Grosso G, Godos J, Galvano F, Giovannucci EL. “Coffee, Caffeine, and Health Outcomes: An Umbrella Review”. Annu Rev Nutr. 2017 Aug 21;37:131-156.
[3] Van Dam RM, Hu FB, Willett WC. Coffee, Caffeine, and Health. NEJM. 2020 Jul 23; 383:369-378



Caricare altro in Casa e famiglia