natsubate

Durante un periodo di caldo torrido potresti sperimentare quella che in Giappone è conosciuto come Natsubate, da “Natsu” che in giapponese significa estate e “bate” che deriva dalla “bateru” che significa essere stanco, esausto. In Giappone, a partire da luglio, le temperature raggiungono valori così alti che si ha letteralmente l’impressione di trovarsi in una sauna permanente. Il gran caldo favorisce condizioni di spossatezza esagerata, tipicamente in quelle giornate così afose che una doccia rinfrescante sembra avere solo un effetto palliativo e in cui si fa fatica ad alzarsi dal divano per mettere piedi fuori casa. Quando ci si trova nella condizione natsubate è facile manifestare segni di inappetenza, mancanza di energia fisica, riluttanza a fare qualsiasi cosa. Soffrire di natsubate significa patire i sintomi sopra elencati anche per 10-14 giorni prima di riprendersi completamente. Fortunatamente esistono alcuni rimedi che possono aiutare a prevenire questa condizione, vediamoli insieme.

I cibi giusti per combattere il caldo e il Natsubate

Durante il gran caldo è opportuno mantenere una dieta con cibi facili da digerire, cosicché il corpo non venga chiamato a un superplus energetico per favorire la difficile digestione; è importante anche assumere cibi ad alto contenuto d’acqua, così da mantenere la giusta idratazione corporea, ricorda che durante le giornate torride il sudore ci fa particolarmente compagnia favorendo la dispersione di acqua e sali minerali (scopri come smettere di sudare). Si quindi a frutta, meglio se tropicale, in cui è maggiore il contenuto di acqua ed elettroliti: anguria, pesche, banane, limoni, lime, mango sono frutti “amici” che, non solo ti permetteranno di fare il pieno di liquidi, ma anche di altre nutrienti, in primis potassio e magnesio, minerali che si perdono attraverso il sudore. Si anche a noci, mandorle, latte, yogurt (leggi come preparare lo yogurt fatto in casa) e qualunque tipo di verdura di stagione, pomodori e zucchine in primis. Opta per cibi integrali ricchi di fibre e carboidrati complessi.

Evita insaccati e prodotti da forno, se il senso di spossatezza deriva principalmente dalla disidratazione del corpo, l’ultima cosa da fare è consumare cibi che assorbono acqua, come il pane o altri prodotti da forno. Da evitare anche il caffè in grandi quintitativi. La caffeina, sebbene possa darci una spinta energizzante, accentua anche la disidratazione, così come del resto fa l’alcool, bandite quindi le bevande alcoliche. Da abolire i cibi grassi, quelli con tanto zucchero o troppo salati. La dieta corretta consiste nel non saltare nessun pasto, anzi meglio rispettare gli spuntini al mattino e al pomeriggio, così da fornire al corpo la giusta dose di energia.

Consigli per combattere il caldo

Nelle giornate di gran caldo, per evitare il natsubate impara a usare l’ombrello così come fai quando piove. In ogni caso indossa sempre un cappellino o qualcosa che eviti il contatto diretto del corpo con il sole. Quando sei fuori casa, cerca di rinfrescarti adoperando salviettine rinfrescanti. Anche l’abbigliamento deve essere scelto con oculatezza, la maggior parte delle persone pensa che i pantaloncini corti o le gonne corte siano più fresche da indossare durante l’estate; tuttavia, non è proprio così! Infatti, le gonne lunghe aiutano a creare la giusta corrente d’aria mentre si cammina, così da mantenere la parte bassa del corpo più fresca e arieggiata.



Caricare altro in Approfondimenti