spinaci freschi

Adoro gli spinaci, li impiego spesso in tante gustosissime ricette (hai già provato il mio rotolo di frittata con spinaci?), sono molto nutrienti e contengono diverse sostanze salutari, inoltre sono incredibilmente facile da preparare e, quanto pare, avranno un ruolo chiave per rivelare i cambiamenti climatici e materiali esplosivi. Secondo uno studio del 2016 pubblicato sulla rivista scientifica Nature Materials e diventato da qualche giorni virale, alcuni ricercatori del MIT e dell’Università della California hanno sviluppato un metodo per trasformare gli spinaci in sensori in grado di rilevare materiali esplosivi: quando le radici della pianta rilevano i composti trovati negli esplosivi nelle acque sotterranee, nanotubi di carbonio presenti nelle foglie della pianta emettono un segnale fluorescente rilevato da una telecamera a infrarossi collegata a un piccolo computer che fa partire un avviso e-mail agli scienziati che monitorano l’area.
La tecnologia impiegata è stata battezzata “nanobionica vegetale” e si riferisce alla capacità di alterare la struttura delle piante con particelle estremamente piccole al fine di conferire loro nuove capacità.

Il professor Michael Strano, che ha guidato la ricerca, ha riferito che gli spinaci “sono ottimi chimici analitici” e che l’esperimento è stato “una nuova dimostrazione di come abbiamo superato la barriera di comunicazione pianta/uomo”. Secondo il prof. Strano il processo potrebbe essere utilizzato anche per mettere in guardia gli scienziati sull’inquinamento e sui cambiamenti ambientali, gli spinaci sarebbero in grado di prevedere la siccità molti prima degli esseri umani, così come rilevare piccoli cambiamenti nelle proprietà del suolo.

Caricare altro in News