Home News In Italia una persona su dieci è obesa. Tra le cause poco sport e cattiva dieta

In Italia una persona su dieci è obesa. Tra le cause poco sport e cattiva dieta

Modificato il 9 Gennaio, 2017

In occasione del XXXVII Congresso nazionale di SIFO, società di Farmacia ospedaliera e dei servizi farmaceutici delle aziende sanitarie, si è fatto luce su alcuni dati, aggiornati a fine 2015, del sistema di sorveglianza Passi (Progressi delle aziende sanitarie per la salute in Italia), avviato nel 2006 dal Ministero della Salute con il fine di completare un monitoraggio a 360 gradi sullo stato di salute della popolazione tra le persone con fascia di età che vanno dai 18 ai 69 anni.

Dall’esame dei dati evince un dato abbastanza allarmante: fra gli adulti, quattro persone su dieci risultano in sovrappeso, uno su 10 è invece obeso. La maggiore causa è da ricercarsi sulla cattiva alimentazione e sulla sedentarietà, che, prendendo in considerazione il solo pubblico adulto, arriva al 50 per cento.

Solo cinque adulti su dieci consumano quotidianamente due porzioni di frutta e verdura, quattro su 10 ne consumano tre o quattro porzioni e solo uno su 10 consuma le cinque porzioni suggerite dalla ricerca, con una percentuale maggiore di consumo tra le donne e gli anziani.

Anche fronte bambini il dato non è più confortante: un bambino su cinque risulta in sovrappeso, almeno questo è quanto si apprende analizzando i dati emersi da un altro sistema di sorveglianza favorito dal ministero della Salute e coordinato dall’Istituto superiore di sanità con la collaborazione di tutte le Regioni d’Italia. A proposito di bambini e attività fisica: secondo un nuovo studio, nei bambini con età compresa tra sei e otto anni, appena 10 minuti di attività fisica giornaliera, svolta ad alta intensità, riduce la quantità di tessuto adiposo e migliora la funzionalità cardiorespiratoria (fonte).

Caricare altro in News