bicarbonato in lavatrice

Mentre diverse persone sono sicure che il bicarbonato di sodio sia un ottimo alleato per i capelli, in molti sono scettici sui suoi reali benefici. Abbiamo scandagliato i siti di ricerca per capire sapere se lavare i capelli con il bicarbonato può essere davvero una pratica da attuare senza nessun rischio e, eventualmente, quali sono i benefici di questo trattamento.

Bicarbonato di sodio sui capelli

Il bicarbonato di sodio disciolto nell’acqua aiuta a rimuovere qualsiasi accumulo di olio, sapone e altri prodotti (lacca, gel e spray modellanti ad esempio) utilizzati normalmente nei prodotti per la cura dei capelli, donando lucentezza e morbidezza. La consistenza abrasiva del bicarbonato aiuta anche a esfoliare il cuoio capelluto, eliminando i residui di pelle secca. Tuttavia, se utilizzato di frequente, il bicarbonato sui capelli elimina tutti quegli oli essenziali che donano al capello il giusto grado di umidità, favorendo quindi la secchezza e l’opacità del capello. Ecco perché l’uso del bicarbonato sui capelli non è consigliato alle persone con cute secca o condizioni particolari come l’eczema.
L’abrasività del bicarbonato, inoltre, se da un lato può favorire l’esfoliazione del cuoio capelluto, dall’altra può sfibrare i capelli più fragili, causando doppie punte e rotture. C’è anche da considerare che pH del bicarbonato di sodio ha un valore di circa 9, mentre quello del cuoio capelluto si attesa a 5,5; un pH così elevato può aumentare l’elettricità statica e provocare l’effetto crespo. Attenzione all’uso del bicarbonato di sodio sui capelli tinti, il rischio di danneggiare il colore è davvero alto. Insomma, se da un lato lavare i capelli con il bicarbonato può essere utile, dall’altro, se si tratta di una pratica usata molto di frequente o su alcune di tipologie di capello, può finanche portare degli scompensi. Per molti la soluzione migliore per trattare i capelli è quella di usare uno shampoo delicato e privo di solfati, oppure impiegare prodotti naturali alternativi.

Alternative al bicarbonato per la pulizia dei capelli

Per coloro che preferiscono utilizzare prodotti naturali, il bicarbonato di sodio non è l’unica opzione. Molti altri prodotti naturali sono particolarmente indicati per trattare i capelli, ad esempio l’olio di cocco, utile a chi soffre di capelli secchi, l’aloe vera che contiene un enzima in grado di stimolare i follicoli piliferi e lenire il cuoio capelluto secco e irritato o l’olio di jojoba, che aiuta a bilanciare la produzione di sebo e trattare i capelli secchi.

Lavare i capelli con il bicarbonato
Olio di cocco extravergine 100% puro e nativo. Non Raffinato ed estratto dalla Polpa del Cocco. Spremuto a freddo a basse temperature per conservarne tutte le proprietà nutritive.

Shampoo con bicarbonato di sodio e aceto di mele

Se vuoi fare in casa uno shampoo a base di bicarbonato, mescola una parte di bicarbonato di sodio con tre parti di acqua e applica la miscela sui capelli asciutti o bagnati iniziando dalle radici, spostandoti verso le punte. Lascia agire la miscela per 2-3 minuti, quindi risciacqua con acqua calda. Dopo aver lavato e sciacquato con la miscela di bicarbonato di sodio, mescola una parte di aceto di mele con quattro parti di acqua; per ridurre al minimo l’odore dell’aceto puoi aggiungere a quest’ultimo qualche goccia di olio essenziale di lavanda o menta piperita. Inclina la testa all’indietro, chiudi gli occhi e distribuisci la miscela tra i capelli. Lascia agire 1-2 minuti, poi sciacqua con acqua fredda.  In caso di forfora prova a mescolare il bicarbonato con il succo di limone e applicalo sui capelli per qualche minuto, quindi risciacqua con abbondante acqua.



Caricare altro in Moda & Bellezza