Sbiancamento dei denti con bicarbonato di sodio

È stato battezzato Dlk1, è un gene che regola la rigenerazione dei denti e che agisce “coordinandosi” con una nuova popolazione di cellule staminali mesenchimali (le cellule staminali che compongono il tessuto scheletrico come muscoli e ossa) per produrre dentina, il “cemento” che compone gran parte dei nostri denti.

La scoperta, avvenuta grazie a uno studio sui topi, apre la strada a nuove cure per denti cariati o scheggiati. La ricerca, pubblicata sul magazine scientifico Nature Communications è frutto di una collaborazione internazionale coordinata dall’università inglese di Plymouth. “Le cellule staminali hanno un ruolo cruciale, in futuro potrebbero essere usate in laboratorio per rigenerare tessuti danneggiati o persi per via di malattie, all’uopo è fondamentale capire come funzionano. Scoprendo le nuove staminali che producono il corpo del dente e comprendendo il ruolo del gene Dlk1 nella rigenerazione del tessuto, abbiamo fatto un importante passo avanti per capire la rigenerazione delle staminali. In questa fase il lavoro è stato condotto su modelli di laboratorio, saranno necessari ulteriori ricerche prima di poter impiegare il tutto sull’uomo, ad ogni modo si tratta di una cruciale svolta per la medicina rigenerativa, che, in futuro, potrà avere una grande ricaduta sui pazienti”, ha dichiarato il prof. Bing Hu a capo della ricerca.

Caricare altro in News