Ultimo aggiornamento:

Camminare è una forma semplice, economica e rilassante per svolgere attività fisica e avere numerosi risvolti salutari: ridurre il rischio di depressione, gestire il proprio peso corporeo, migliorare le funzioni cerebrali e la salute delle ossa, nonché migliorare la qualità della vita in generale. Ma quanto camminare al giorno per trarne beneficio e quante calorie si bruciano camminando? Cerchiamo di fare luce su questi due importanti aspetti.

Le attuali raccomandazioni suggeriscono di camminare per un minimo di 30 minuti almeno 5 giorni alla settimana, inoltre, recenti studi hanno dimostrato che camminare totalizzando 10mila passi al giorno aiuta a perdere peso e migliora lo stato di salute generale (fonte); in una ricerca che ha visto protagonisti 35 adulti con un indice di massa corporea (BMI) di 31.7-44.9, i partecipanti hanno ricevuto consulenza dietetica e hanno gradualmente aumentato i loro passi quotidiani fino a raggiungere i 10mila passi giornalieri. Dopo 6 mesi di “terapia” gli BMI dei partecipanti sono diminuiti significativamente del 3,7% (fonte).

Ogni persona, a seconda dell’attività fisica svolta, tendenzialmente brucia un diverso numero di calorie, un dato che viene influenzato da diversi fattori; per diverso tempo si è ritenuto che uno dei principali fattori a influenzare il numero di calorie bruciate durante l’attività fisica fosse la propria stazza fisica e il peso corporeo, tuttavia diversi recenti studi hanno sfatato questa teoria. Altri fattori che potrebbero influenzare quante calorie si bruciano camminando sono la velocità con cui ci si sposta e su quale tipo di superficie: se stai camminando rapidamente in salita a un ritmo 8 chilometri orari, si potrebbero bruciare più di 7 calorie al minuto, diverso se si cammina in discesa a una velocità di 5–6 chilometri all’ora, in questo caso si potrebbero bruciare tra 3,5 e 7 calorie al minuto (fonte). Una ricerca condotta su un gruppo di giovani adulti ha messo in evidenza che percorrere 10mila passi ad un ritmo di 6 km all’ora brucerebbe in media 153 calorie in più rispetto a camminare alla stessa distanza a 5km all’ora.

Come calcolare le calorie bruciate camminando

Uno dei modi migliori per calcolare quante calorie si bruciano facendo 10mila passi è usare un’equazione che mette in relazione il proprio peso, l’intensità dell’esercizio fisico e la durata dello stesso.

calorie bruciate al minuto = 0,0175 x equivalente metabolico dell’attività (MET) x peso in chilogrammi

Il MET è un’unità che stima la quantità di energia utilizzata dall’organismo durante l’attività fisica, rispetto al metabolismo a riposo. A riposo o seduto, una persona consuma mediamente 1 MET, ovvero 1 chilocaloria per chilogrammo di peso corporeo per i minuti di attività e 3,5 millilitri di ossigeno per chilogrammo di peso corporeo moltiplicato i minuti di attività svolta. Possiamo sostanzialmente suddividere il MET in 3 classi principali: fino a 3 MET per chi pratica un’attiva fisica leggera, da 3 a 6 MET per attività aerobica di moderata intensità, 6 MET o più in caso di attività aerobica intensiva. Alcuni esempi di MET utili per i calcoli delle calorie: fare una chiacchierata al telefono corrisponde a 1.5 MET, portare a passeggio il cane 2.5 MET, fare trekking 6-7 MET, attività di jogging 8 MET.

L’equazione calcola le calorie bruciate al minuto, sarà quindi necessario moltiplicare il risultato per il numero totale di minuti necessari per eseguire uno specifico numero di passi e determinare le calorie totali bruciate.
Per esempio, se camminassi per 1 ora l’equazione potrebbe essere la seguente:

calorie bruciate = 0,0175 x MET x peso in chilogrammi x 60 (minuti)

Quante calorie si bruciano camminando?
Un altro metodo di calcolo

Per ricavare il numero di calorie bruciate camminando possiamo anche ricorrere a un’equazione formulata nel 1938 dal prof. Rodolfo Margaria:

Calorie Bruciate = 0.5 kcal * Kg peso corporeo * Km percorsi



Caricare altro in Salute & Benessere