sale marino

Ultimo aggiornamento:

È risaputo che consumare troppo sale nuoce alla salute, tuttavia i pasti pronti presenti sugli scaffali sono sempre più numerosi e il sale in essi contenuto, usato per meglio conservare il cibo più a lungo, nonché esaltarne il gusto, è sempre più presente. Per far fronte a questa “emergenza” studiosi della Washington State University hanno messo a punto una nuova tecnologia, battezzata sterilizzazione termica assistita da microonde (MATS), che potrebbe consentire di ridurre il sodio mantenendo sicurezza e gusto degli alimenti.

In una ricerca pubblicata sul magazine scientifico Journal of Food Science, i ricercatori della WSU hanno scoperto che l’elaborazione MATS, che utilizza la tecnologia a microonde per uccidere eventuali agenti patogeni negli alimenti, non riduce l’intensità del sapore di altri ingredienti, cosa che invece avviene nei classici metodi di conservazione. Nella fattispecie, lo studio ha esaminato un piatto di purè di patate sottoposto ai classici metodi di conservazione a alla nuova metodologia MATS dimostrando che impiegando quest’ultima si riesce a conservare inalterata l’intensità del pepe presente nella pietanza. “Se l’intensità del sapore del pepe rimane invariata, allora non è necessario aggiungere tanto sale per rendere il cibo appetibile o gustoso”, ha dichiarato Carolyn Ross, principale autrice dello studio.

I ricercatori, tra cui Sasha Barnett della WSU, Shyam Sablani e Juming Tang, hanno scoperto che il purè di patate preparate con la metodologia MATS poteva godere di una riduzione del sale fino al 50%, mantenendo comunque inalterato l’appeal da parte di un selezionato panel di degustazione. “Fondamentalmente, se riesci a migliorare i sapori propri delle erbe, il cibo sembra ancora abbastanza salato per essere gustato” spiega Ross.

La tecnologia MATS è ancora relativamente nuova, ma gli autori dello studio pensano che potrebbe fare molto per aiutare a ridurre il sale usato negli alimenti trasformati. “Dobbiamo realizzare un prodotto che le persone desiderano mangiare, ci sono molti adulti che consumano pasti pronti per comodità e sicurezza. Quindi, se possiamo ridurre l’assunzione di sale da quegli alimenti e avere ancora sapori gustosi, potrebbe essere estremamente benefico” ha concluso la ricercatrice. Fonte e approfondimenti

Caricare altro in News